• +39 333 6152300
  • info@mirafincalcioa5.com

DOPPIO COLPO MIRAFIN:”RENGIFO E SPONSOR”(ROBE DI KAPPA)

DOPPIO COLPO MIRAFIN:”RENGIFO E SPONSOR”(ROBE DI KAPPA)

Doppio boom per la Mirafin del presidente Raffaele Mirra, era nell’aria, tutti si aspettavano un nome di
quelli che ti fanno stropicciare gli occhi, ed in realtà il nome è di quelli che ti fanno rimpiangere il mare e le
ferie, di quelli che ti fanno venire voglia di riaprire subito il palazzetto per iniziare nuovamente a sudare, il
nome è quello del ‘Jirafa: Kevin David Rengifo Stell.
Nazionale venezuelano in tutte le rappresentative, fisico imponente abbinato a tecnica di altissimo livello,
praticamente un giocatore di quasi un metro e novanta con le giocate tipiche dei folletti sudamericani che in
banda ti nascondono la palla, caratteristiche che anche in Italia hanno destato l’attenzione di squadre in
tutte le categorie, dal Real Rieti al Modugno, dal Lecco al Minturno, proprio con il Minturno realizza in una
sola partita quattro reti contro la Mirafin.
Ancora giovanissimo viene chiamato al grande salto nella LNFS, 3 anni da protagonista con il Prone Lugo
Futsal, poi il richiamo del sudamerica e nell’ultima stagione miete successi in Colombia con il Leones de
Narino. Arriva lo scettro in campionato ed in supercoppa, gioca da campione la Libertadores superando il
girone di qualificazione andando anche a pareggiare in casa del ‘12’ più famoso al mondo: Alessandro Rosa
Vieira conosciuto anche da chi non ha mai dato un calcio ad un pallone con il l’’appelido’ di Falcao.
Maurizio Bianchi quanto c’è di tuo nell’arrivo di Kevin:
Diciamo che era in dubbio su dove festeggiare i suoi 29 anni ed alla fine ha scelto casa mia. Scherzi a parte,
sono 5 anni che cerco di portarlo in Italia, quando ne ho parlato in Mirafin si è creato un silenzio assoluto. In
un primo momento ho pensato che non lo conoscessero, che li avrei dovuti convincere delle qualità di un
giocatore alto un 1,87, considerato che cercavamo un ala/pivot. Adesso posso dire che avevo fatto un
grande errore dimenticando chi avevo davanti. Al nome di Rengifo, Mirra ha guardato Salustri, Salustri ha
guardato Petruzzi, Rocchi già si sfregava le mani e c’è stato subito il via libera per portarlo da noi.
Sei sicuro che Kevin si possa adattare subito ad un campionato difficile come l’A2:
Nello sport contano solo i fatti per cui dovremo attendere le prime partite di campionato. Personalmente
sono convinto che di giocatori che possono cambiare le partite come può fare Kevin ce ne siano veramente
pochi. Per me non è una scommessa ma una certezza e mi sento di dire che difficilmente il campo mi potrà
dare torto.
Sentiamo anche il parere del neo allenatore in seconda Armando Mirra:
Be’, quando ci abbiamo giocato contro nel match con il Minturno ci era sembrato un extraterrestre, è
passato qualche anno, noi siamo cresciuti molto, ma da quello che ha messo nel curriculum Kevin, credo
che anche lui sia un giocatore più completo. Potrebbe essere il colpo dell’anno, il giocatore che ci mancava.
Armando, abbiamo aperto l’intervista parlando di un doppio boom:
Si, per noi della Mirafin è determinante curare ogni dettaglio e per il primo anno di A2 volevamo acquisire
una collaborazione con uno sponsor tecnico di primo livello, magari conosciuto a livello internazionale, un
nome noto per abbinarsi solo ad atleti e squadre di primissimo livello. Lo abbiamo trovato in Robe di Kappa,
caso vuole un marchio con le stesse iniziali di Kevin Rengifo, tra i numeri uno le differenze sono sempre
minimali.
Mirafin – Paolo Petruzzi Uff. Marketing & Comunicazione.
Pietro Calcio

Leave a Comment