• +39 333 6152300
  • info@mirafincalcioa5.com

Daily Archives:10/26/2018

UN DOPPIO ROCCHI ALLA MIRAFIN

La Mirra’s Dynasty rappresenta presente e futuro remoto della Mirafin, la Rocchi’s Family vuol dire presente
e futuro prossimo. Papà Rocchi è una delle figure di ‘maggior peso’ della Mirafin, Direttore Generale
responsabile del settore organizzazione, Lorenzo, classe 2003, ‘ è uno dei punti di forza delle giovanili della
squadra pometina.
Allora Stefano, si inizia a parlare molto bene di Lorenzo, il papà cosa ne pensa:
Sono molti anni che fornisco il mio contributo anche per la scuola calcio e per le giovanili e ti posso
garantire che per ogni papà il proprio figlio è il più forte di tutti. Io cerco di non incorrere in questo
atteggiamento che spesso è fortemente deleterio per i ragazzi. E’ chiaro che mi faccia piacere che gli
allenatori lo stiano gratificando facendolo giocare molto, ma la strada è ancora lunga.
Stefano hai parlato di allenatori:
Si, per i requisiti d’età gioca con l’under 17, ma già ha esordito nell’under 19 ed addirittura anche mister
Salustri lo ha voluto vedere da vicino spesso e lo fa allenare in prima squadra. Lorenzo gioca da ‘ultimo’, un
ruolo molto impegnativo, dove di solito vengono impiegati i giocatori di maggior esperienza e con grande
carisma, il fatto che sia stato chiamato anche dai mister delle squadre maggiori è un segnale che sta
lavorando bene. Ma vorrei che non leggesse questa intervista.
Parliamo di prima squadra, che voto dai a questi primi due mesi di lavoro:
Bene non benissimo. Sono soddisfatto di come stiamo lavorando, dei risultati ottenuti, molto meno della
situazione infermeria che dallo scorso anno ci perseguita. Abbiamo uno staff sanitario di eccellenza ma
questo non significa che siamo felici di metterlo quotidianamente alla prova. Come sempre c’è un grande
dispiacere quando un ragazzo deve andare in tribuna per qualche acciacco, ma gli infortuni di Fioravanti e
Gobbi veramente non ci volevano, tra l’altro in un momento in cui i ragazzi stavano crescendo in modo
esponenziale giorno dopo giorno. In particolare Gobbi ha dovuto subire un intervento al crociato che
senz’altro supererà a tempo di record vista la sua giovane età, ma veramente ha rattristato tutti.
Sabato contro la Cioli potremmo parlare di un classico:
Lo scorso anno ci siamo incontrati più volte, anche nei play off, ma sabato lo scenario sarà differente, siamo
saliti di categoria e gli organici sono mutati. Hanno acquisito giocatori molto importanti, ma quello che
temiamo di più è un made in Mirafin come possiamo considerare ‘Michelino’ Raubo, per lui sarà un derby
nel derby per cui darà il 110% quando anche all’80% sarebbe già molto pericoloso. Noi potremo contare su
un miglioramento della condizione di giocatori fondamentali quali Marcelo e Pinto, sulla crescita tattica che
mister Salustri sta apportando con il passare dei giorni, credo sia una gara da tripla ma in cuor mio dico 2
secco.
Stefano, sento sempre parlare di salvezza quale obiettivo stagionale, è la verità?
Basta non far sentire questa parola al mister, salvezza è una parola ancora non scritta nel suo vocabolario.
Personalmente credo che un anno di ambientamento sia necessario in tutte le categorie, la storia ci dice che
salite troppo ripide portano a delle discese altrettanto rapide. Un anno tranquillo, magari caratterizzato da
belle prestazioni e con qualche risultato di prestigio potrebbe essere sufficiente. Ma vorrei che Salustri non
leggesse questa intervista….
Paolo Petruzzi – Mirafin Marketing & Comunicazione